ANIMALIA, lo slancio vitale

LA STRAORDINARIA RASSEGNA D’ARTE E CULTURA ALLA SCOPERTA DELL’ANIMALITÀ HA ESPOSTO A MAGGIO 2024, NEL CASTELLO DI PALAZZOLO SULL’OGLIO, LE OPERE DI 21 MAESTRI DELL’ARTE CONTEMPORANEA, TRA CUI ANTONIO LIGABUE

Coccodrilli, elefanti e giraffe a grandezza naturale, lupi e tigri, gorilla e rinoceronti, struzzi e draghesse popoleranno le sale, le mura e la corte a giardino del Castello di Palazzolo sull’Oglio: un percorso narrativo e filosofico alla scoperta dell’animalità come slancio vitale, mentre satiri e minotauri indagheranno il sottile confine tra essere umano e animale.
Questo e molto altro sarà Animalia : la straordinaria mostra di arte contemporanea che si interrogherà sul senso dell’animalità come valore salvifico per l’umanità.

Un’ esposizione di primo piano proposta dall’Associazione culturale LovOglio APS e fortemente voluta dall’Amministrazione
del Sindaco Gianmarco Cossandi e dall ’Assessorato alla Progettazione Culturale e Valorizzazione Turistica, in collaborazione
con CACP (Centro Artistico Culturale Palazzolese) che nella Rocha Magna ha la sua sede storica.

L’Arca di Animalia ha aperto i battenti sabato 27 aprile con la cerimonia d’inaugurazione alle ore 16 presso la Rocha Magna ed è stata visitabile fino al 26 maggio, con aperture il venerdì sera (20.30–22.30), il sabato e la domenica
(09.30–12.30; 14.30–18.30), festivi inclusi (comprese le aperture del Primo Maggio e di San Fedele Patrono di Palazzolo
sull’Oglio, il 14 maggio).

Patrocinata anche dalla Provincia di Brescia e da Regione Lombardia, Animalia ha voluto valorizzare ulteriormente e in modo inedito il territorio della Città di Palazzolo sull’Oglio, in dialogo con la rassegna di turismo esperienziale “Le Meraviglie della
Terra del Fiume”, sempre promossa dal Comune di Palazzolo, che per tutto il mese di maggio e fino a metà giugno vede lo
spazio cittadino protagonista di immagini, racconti ed eventi culturali .

GLI ARTISTI: DA ANTONIO LIGABUE A STEFANO BOMBARDIERI,
ALIGI SASSU E MOLTI ALTRI

La mostra – curata dal comitato organizzativo-scientifico composto da Laura Dossi e Massimo Rossi (rispettivamente Presidente e Vice Presidente di
LovOglio APS), il Sindaco Gianmarco Cossandi e l’Assessore alla
Progettazione Culturale Marina Bertoli; Bruno Fogliata e Piero Raccagni, (rispettivamente Vice Presidente e Consigliere del CACP) – ha messo in relazione tra
loro ben 36 opere tra dipinti, sculture e installazioni di 21 artisti, tra cui molti nomi noti a livello nazionale e internazionale.
Antonio Ligabue, Aligi Sassu, Viveka Assembergs, Sergio Battarola, Mirko Bedussi, Stefano Bombardieri, il Cracking Art Group, Barbara Crimella, Sabrina Ferrari, Armando Fettolini, Patrizia Fratus, Ferrario Freres, Gabriele Garbolino Rù, Carlo Pasini, Giangi Pezzotti, Andrea Previtali, Carlo Previtali, Roberto Radici, Giusy Rampini, Vanni Spazzoli e Angelo Zanella.

I SOSTENITORI

La mostra ha avuto un grande supporto dall’intera comunità industriale del territorio, ribadendo così l’importanza di questa iniziativa.

Fluorten srl, Studi dentistici Dr. Massetti, Movimento Cooperativo Palazzolese, Stea, Streparava Group, Flimar SpA, Lanfranchi, BCC Brescia, Pedrali SpA, Agos Rovato, Lelly by Venturelli, Marchetti Carlo lavorazioni ferro, Brescianini Assicurazioni, SAEF e SA-Finance, Cuminetti Fine Art Service e Lions Valcalepio e Val Cavallina.

Oltre a loro, preziosa la collaborazione di diverse associazioni cittadine tra cui il Circolo Fotografico Palazzolese, Teatro Flauto Magico con Galateo Animale , Associazione Pensionati e Atelier Melograno (iniziativa de Il Club).

CONVEGNI, LETTURE, LABORATORI ED ESPOSIZIONI A LATERE

In occasione di Animalia , numerosi gli eventi correlati:

Domenica 12 maggio alle 16 in Villa Kupfer si terrà “animaliAconvegno” : una riflesione sul tema dell’animalità che avrà come ospiti il filosofo Massimo Rossi, già curatore della mostra, lo storico d’arte Giuseppe Fusari e l’artista ceramista Marco Pedrali.

Animalia in Villa” è stata la mostra a latere che ha viosto esposti i lavori animalier degli allievi della Scuola d’Arte Aldo Küpfer nella Villa Orsatti Küpfer – nel Parco delle Tre Ville adiacente al Castello, al fine di consentire continuità
tra i due eventi e la facilità d’accesso ai visitatori.
L’inaugurazione si è svolta sempre sabato 27 aprile, alle ore 18 – a seguire l’inaugurazione della mostra principale in Castello ed è stata visitalibe fino al 5 maggio, con aperture il sabato (15.30–18.30) e la domenica (10–12; 15.30–18.30), incluso il
Primo Maggio.

Per i più piccoli, ha riscosso un gran successo “Animagia”: concorso di disegno per bambini, al quale sarà è stato possibile inviare il proprio Animagico (animale magico) fino al 12 maggio.

E ancora, per i più piccoli, in collaborazione con la Biblioteca Civica Lanfranchi, si sono tenute le letture in Castello “Storie di Animalia” e il laboratorio di collage “Animagie di carta e cartone”.

LE DICHIARAZIONI

«Con Animalia la Città di Palazzolo torna nuovamente, dopo l’esperienza di Ceruti e Ghislandi: ritratti a confronto , a proporre un evento di caratura nazionale , se non internazionale : una mostra dal carattere fortemente innovativo per il nostro territorio, che così ne sarà ulteriormente valorizzato , proprio nelle settimane in cui con Le Meraviglie della Terra del Fiume si mostra in tutto il suo splendorecommentano il Sindaco Gianmarco Cossandi e l’assessore alla Progettazione Culturale e Valorizzazione Turistica Marina BertoliSi tratta di un’esposizione di arte contemporanea animata da un forte impianto filosofico , ricco di emozioni e riflessioni : un allestimento che renderà omaggio in maniera inedita, mai vista prima a Palazzolo , alla bellissima sede espositiva della Rocha Magna . Davvero grazie di cuore a tutti, sostenitori e associazioni coinvolte, per la grande sinergia alla base
di questa manifestazione, a cui teniamo molto».

«Animalia non è solo una mostra d’arte: è un rito propiziatorio per un’autentica trasformazione che ci preservi dall’estinzione:
poiché solo un ritrovato rapporto con la natura vivente , con la nostra parte animale e con l’energia creativa potranno salvarci
aggiungono Laura Dossi e Massimo Rossi di LovOglio APSDedicata a noi uomini e alla nostra presunzione, Animalia deve essere
un esame di coscienza per tutti noi , così come il manifesto di una nuova fede laica in questo mondo, l’unico a nostra disposizione».

«Abbiamo voluto costruire questo percorso espositivo come una storia avvincente ed emozionante in cui gli artisti ci regalano
apparizioni magiche, giocando mirabilmente tra reale e fantasticoconcludono Pietro Raccagni e Bruno Fogliata del CACPAnimalia non vuole essere soltanto una mostra, ma un vero atto d’amore e di gratitudine verso tutti gli animali, per
quello che continuano a dirci e ad insegnarci. Ed anche un accorato messaggio che ci invita a riflettere su noi stessi, sui nostri
comportamenti, su come siamo in grado di amare e rispettare il mondo che ci sta attorno».